Via Carlo Cattaneo n. 22 - 21013 Gallarate (VA) +39 393.88 68 911

odontoiatria forense

La Medicina Legale Odontoiatrica, per cui si preferisce adottare il termine Odontologia Forense, per essere allineati con quanto è da tempo regolarizzato a livello internazionale, dovrebbe ormai da tempo aver assunto, anche nel nostro Paese una forma di scandita e peculiare autonomia, rispetto a quanto occorre per la Disciplina per gli ambiti propri alla Medicina e Chirurgia.

La Odontoiatria, infatti, non solo ha assunto ormai da oltre venti anni una assoluta autonomia didattica (organizzata nello specifico Corso di Laurea), ma soprattutto ha visto nel trascorso decennio, codificarsi in modo sempre più netto la propria autonomia professionale, nei confronti della Medicina e Chirurgia, fino a venirsi inevitabilmente a puntualizzare, anche sul piano giurisprudenziale, la impossibilità per il medico chirurgo di operare anche sul piano meramente diagnostico nel campo proprio all’Odontoiatra ed a connotarsi definitivamente quest’ultimo, né poteva essere altrimenti, come Medico ad ogni effetto, naturalmente odontoiatra, ma caratterizzato alle medesime potestà del medico chirurgo nell’ambito di specifica pertinenza.

Ciò che era una volta la Medicina, in altri termini, generalmente intesa, lungi dal perdere la propria assoluta unicità, si è però oggi più e meglio caratterizzata nei due essenziali ambiti che gli sono propri nei differenti livelli (didattico, professionale, scientifico) e cioè la Medicina e Chirurgia e la Medicina in Odontoiatria, come professionalità ed esperienze diversificate, paritarie e parallele solo avendo come comune oggetto e denominatore la salute della persona. Da tale evoluzione di progressiva modernità non poteva, ovviamente, rimanere estranea la Medicina Legale, che, anzi, per prima, fra le Discipline mediche, ebbe ad individuare nell’Odontologo Forense la figura scientifica e professionale che avrebbe dovuto occuparsi dei problemi medico-legali inerenti la sfera odontoiatrica, segnatamente per ciò che atteneva l’identificazione personale, argomento che aveva evocato a livello internazionale specifica attenzione e profondo interesse, tanto che si erano da tempo preparati professionisti esperti nel settore, ovviamente di cultura e provenienza odontoiatrica.

Nel nostro Paese la Odontologia Forense sembra aver segnato il passo nella formazione specifica di esperti, anche se, per il sacrificio e l’impegno di molti Medici Legali, la Disciplina nel nostro Paese si colloca ai migliori livelli nel contesto internazionale. Ciò di cui si sentiva la necessità, a nostro avviso, sul piano dell’apprendimento e della divulgazione della conoscenza, era un testo, indirizzato agli Studenti ed ai Professionisti, che cercasse di cogliere i più significativi aspetti della Medicina Legale riferita alla Medicina in Odontoiatria, nel tentativo di contemperare le conoscenze di base medico-legali che ciascun Medico Odontoiatra deve possedere per esercitare correttamente e con serenità la professione, con quanto dovrebbe conoscere lo “Specialista” Odontologo Forense nella sua qualità di esperto nell’ambito penalistico, civilistico e disciplinare della parte della Medicina che è di sua specifica d esclusiva competenza, oltre, naturalmente alla parte della identificazione personale che, per univoca e convergente interpretazione, indubbiamente non può che competere al medico odontoiatra.

Di qui la scelta di dividere il manuale in due sezioni, pur mantenendo la sostanziale unicità, la prima a carattere che potrebbe definirsi più “didattico”, connotata dalle informazioni che investono l’insegnamento della medicina Legale in Odontoiatria, a partire dalle conoscenze etiche e via via soffermandosi sugli ambiti che si ritengono di insostituibile interesse per la professione: obblighi del medico, diritto all’autodeterminazione dell’assistito, responsabilità e colpa professionale, deontologia medica, legislazione essenziale, medicina legale penalistica e civilistica in Odontoiatria; la seconda, che potrebbe definirsi più “specialistica” volta a considerare gli aspetti propri alla identificazione in Odontologia Forense ed a rivedere la dottrina della valutazione del danno alla persona con proposta di una tabellazione originale, utile alla espressione di sintesi nel risarcimento civile del danno alla persona. Si è perfettamente consapevoli della difficoltà di cogliere in un’unica opera aspetti didattici ed aspetti di consultazione; la speranza è quella di essersi avvicinati all’intento e l’impegno è quello di cercare sempre di correggersi e migliorarsi.